Navigation

Mali: fonti locali, liberato ostaggio francese

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 febbraio 2010 - 21:16
(Keystone-ATS)

BAMAKO - È stato liberato stasera Pierre Camatte, uno degli ostaggi rapiti da al-Qaida per il Maghreb. "Pierre è libero e sta bene", ha riferito al telefono un negoziatore maliano annunciando la liberazione dell'ostaggio francese.
Camatte, 61 anni, era stato rapito il 26 novembre in un albergo di Menkara, nel nord del Mali, da un gruppo di maliani e successivamente "ceduto" al gruppo di al-Qaida per il Maghreb. Per la sua liberazione era stato posto un ultimatum, fissato a sabato scorso e prorogato fino ad oggi, che aveva posto come condizione la liberazione di quattro detenuti vicini all'organizzazione terroristica. Detenuti che sono stati "rilasciati" domenica notte dopo un processo che li ha condannati ad una pena di quattro mesi per detenzione illegale di armi. Pena che i quattro, arrestati nell'aprile scorso, avevano di fatto già scontato.
Nelle mani dell'organizzazione restano ora cinque ostaggi: gli italiani Sergio Cicala e la moglie, Philomene, originaria del Burkina Fasu, e tre cooperanti spagnoli.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.