Navigation

Mali: militari cedono a Ecowas, interim a capo parlamento

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 aprile 2012 - 09:40
(Keystone-ATS)

A due settimane dal golpe militare che ha rovesciato il governo di Bamako, mentre il Mali corre pericolosamente verso "il disastro umanitario", la Giunta ha annunciato di avere siglato un'intesa con l'Ecowas, la comunità di Stati dell'Africa occidentale per il ritorno all'ordine costituzionale, scegliendo di assegnare un interim al capo del Parlamento.

In serata i militari hanno annunciato che il capo della Giunta, il capitano Amadou Sanogo, ha firmato un accordo con il ministro burkinabe Djibrill Bassolè, mediatore per la crisi che prevede che l'interim per il potere sia affidato al presidente dell'Assemblea nazionale". Nell'intesa si prospetta anche una "amnistia generale" per i golpisti.

Intanto i tuareg hanno dato una svolta al loro sogno secessionista proclamando l'indipendenza della regione settentrionale dell'Azawad, rivendicata da secoli. Ma il loro passo ha trovato il secco diniego della comunità internazionale mentre le milizie islamiche che controllano la città-crocevia del Nord, Timbuctu, si sono smarcate dalla dichiarazione tuareg accrescendo la confusione che regna nel Paese africano, abbandonato ormai da migliaia di persone, in fuga da violenze, sequestri e distruzione.

Poco prima l'Ecowas aveva respinto la dichiarazione di indipendenza della regione di Azawad minacciando di ricorrere all'uso della forza, per "preservare l'integrità territoriale". Cominciata nel gennaio scorso, la quarta ribellione in 50 anni degli 'Uomini blu' del Sahara è culminata ieri nella secessione dal potere centrale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?