Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il gruppo 'Jama'at Nusrat al-Islam wal Muslimeen', frangia di al Qaida in Mali, ha diffuso un video in cui mostra sei ostaggi, tra le quali la missionaria protestante svizzera Beatrice Stöckli rapita un anno e mezzo fa.

Lo ha reso noto il Site, gruppo di intelligence Usa per il monitoraggio dei siti jihadisti.

Il video, della durata di poco meno di 17 minuti, mostra le condizioni di salute dei sei ostaggi che lanciano ognuno un appello alla libertà. È stato pubblicato ieri sul social Telegram, ma non è possibile sapere quando è stato girato.

I sei ostaggi - originari di Australia, Colombia, Francia, Romania, Sudafrica e Svizzera - sono presentati singolarmente da un uomo. Questi afferma che "nessun vero negoziato è iniziato" in vista della loro liberazione ma che "discussioni sono in corso".

Il Dipartimento federale degli affari estri (DFAE) ha confermato all'ats l'esistenza del video. La Svizzera chiede la liberazione senza condizioni di Beatrice Stöckli, ha aggiunto il portavoce Renz Tilman.

SDA-ATS