Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Incendi e inondazioni hanno colpito in questi giorni l'Argentina in diversi punti del Paese. Pesante il bilancio: almeno dodici morti e a migliaia di evacuati. Tra le regioni più colpite dalle piogge torrenziali c'è Cordoba, al centro del Paese, oltre a Santa Fè, un'area molto ricca dove cresce tra l'altro la soia - prodotto chiave per l'export - e altre due 'provincias' anch'esse agricole del nordest (Santiago del Estero e Catamarca).

Senza nascondere le proprie preoccupazioni, il governatore di Cordoba, Josè Manuel de la Sota, ha ammesso che sia nella sua regione sia in altre aree vicine quella di questi giorni è "la peggiore catastrofe climatica degli ultimi 50 anni".

A preoccupare le autorità sono stati i fiumi straripati, che hanno provocato almeno dieci morti proprio a Cordoba e due a Santiago del Estero: in totale, nelle due regioni le persone evacuate a causa dell'avanzare delle acque dei fiumi sono 5.600.

Dalle piogge al fuoco: in Patagonia il problema sono stati invece gli incendi che hanno divorato intere superfici di terra.

Nel 'mirinò delle fiamme è finita soprattutto la regione di Chubut, dove oggi un procuratore locale ha aperto un'inchiesta sugli incendi di boschi in una vasta area ai piedi della cordigliera delle Ande.

Il sospetto è che in alcuni punti le fiamme siano state appiccate: "non ho dubbi sul fatto che alcuni degli incendi siano stati provocati per ragioni vincolate alla speculazione immobiliare", ha sottolineato il governatore di Chubut, Martin Buzzi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS