Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - "Dateci una bella vita!", con questo slogan migliaia di persone hanno partecipato oggi a Berna alla manifestazione nazionale delle donne, per porre fine alla povertà e alla violenza di cui sono vittime. L'azione rientra nel quadro della Marcia mondiale delle donne.
Una bella vita significa sentirsi sicure a casa e negli spazi pubblici, avere uno stipendio equo per un lavoro equo e un buon servizio pubblico, scrivono le circa 50 organizzazioni femminili che insieme a sindacati, associazioni e partiti hanno lanciato l'invito alla manifestazione.
Quattordici anni dopo la legge sulla parità, si è ancora lontani dai fatti, sostengono le organizzatrici, che stimano a 8000 i partecipanti. Secondo la polizia cantonale bernese erano tra 6000 e 7000.
La povertà femminile è dovuta a condizioni di lavoro spesso precarie accompagnate da discriminazioni salariale. Anche in Svizzera le donne sono molto più esposte a questo rischio rispetto agli uomini, scrive il sindacato Unia. Il problema - aggiunge - è peggiorato nel 2009, secondo anno sotto il segno dalla crisi.
Le donne non vogliono pagare per questa crisi. Si oppongono allo smantellamento della sicurezza sociale (assicurazione disoccupazione, assicurazione invalidità e previdenza professionale). "Per chi veniamo prese? Non ammetteremo che l'età dell'AVS sia alzata con il pretesto dell'uguaglianza", ha affermato alla tribuna davanti a Palazzo federale Ursula Mattmann, presidente delle donne dell'Unia.
Le oratrici hanno ribadito il loro desiderio di una migliore rappresentazione delle donne nella vita politica, il diritto a buone condizioni professionali e alla creazione di posti in asili nido gratuiti.
Dopo i discorsi tenuti in Piazza Federale e il concerto di un gruppo femminile (Plugin Babes), la giornata si conclude con una festa alla Reithalle.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS