Navigation

Manifestazione a Ginevra conto intervento in Libia, alterco

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 marzo 2011 - 17:25
(Keystone-ATS)

Circa 150 persone hanno manifestato oggi a Ginevra per esprimere la loro solidarietà con le popolazioni arabe in rivolta. Diversi oratori hanno criticato l'intervento delle potenze occidentali in Libia.

"I popoli possono diventare padroni del proprio destino", ha affermato Paolo Gilardi, presidente della Gauche Anticapitaliste (Sinistra anticapitalistica), organizzatrice della dimostrazione. Egli ha poi fustigato i governi occidentali per aver armato, a suo dire, le forze del colonnello Muammar Gheddafi. Ha anche deplorato gli interessi legati al petrolio, denunciando "l'ipocrisia totale degli pseudoliberatori odierni".

C'è poi stato un alterco tra il ticinese trapiantato a Ginevra e un gruppetto di donne libiche che volevano invece "ringraziare la coalizione per il suo intervento". Gli organizzatori hanno rifiutato di dar loro la parola, ma una delle donne ha potuto trovare un megafono per esprimere il suo dissenso.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?