Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Riprendono i lavori alle Camere federali nel penultimo giorno della sessione estiva. L'agenda del Consiglio nazionale prevede l'esame della legge sulla cittadinanza: la conferenza di conciliazione propone di far valere il doppio gli anni trascorsi in Svizzera da un candidato alla naturalizzazione tra gli 8 e i 18 anni.

Per le persone ammesse provvisoriamente (profughi, ecc.), invece, la conferenza ha deciso che si tenga conto solo della metà degli anni trascorsi su suolo elvetico prima di inoltrare richiesta di cittadinanza. Tutti i candidati al passaporto rossocrociato dovranno tuttavia essere già in possesso di un permesso di domicilio (C) per avviare le pratiche. Gli Stati dovrebbero votare su questa soluzione nel primo pomeriggio.

Dopo questo dossier, la Camera del popolo affronterà la revisione del codice civile riguardante il mantenimento della prole. Nel pomeriggio, dalle 15.00 alle 19.00, riprenderà il dibattito, incominciato ieri, sulla legge d'applicazione delle raccomandazioni del Gruppo d'azione finanziaria (GAFI) volta a contrastare con maggiore efficacia il riciclaggio di denaro e a punire più severamente chi evade il fisco.

Agli Stati (08.15-13.00; 15.00-19.00), il programma contempla un dibattito riguardante la modifica della legge federale sulla radiotelevisione. La commissione preparatoria ha approvato l'esame del progetto, apportando diverse modifiche al testo già discusso al Nazionale. In particolare, propone al plenum di stralciare dalla legge la ripartizione fissa delle quote di partecipazione al canone (36% radio e 64% televisione).

SDA-ATS