Navigation

Marco Chiesa, è stata la lotta di Davide contro Golia

Il popolo non ha seguito le argomentazioni dell'UDC. KEYSTONE/PETER SCHNEIDER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 27 settembre 2020 - 13:48
(Keystone-ATS)

"Una lotta di Davide contro Golia": è la lettura del presidente UDC Marco Chiesa della sconfitta che si prospetta alle urne per l'iniziativa per un'immigrazione moderata.

Secondo il consigliere agli stati ticinese ha avuto un ruolo anche il coronavirus, perché la popolazione è attualmente confrontata con le incertezze dello sviluppo economico.

Il tema dell'immigrazione rimarrà comunque nell'agenda politica, ha detto convinto Chiesa parlando con SRF. Dopotutto non solo l'UDC vuole evitare una Svizzera da 10 milioni di abitanti.

La prossima sfida è ora quella dell'accordo quadro con l'UE. "Adesso si vedrà come si muoveranno il Consiglio federale e gli altri partiti".

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.