Navigation

Marea nera: Bp, test confermano che tappo di cemento tiene

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 agosto 2010 - 07:11
(Keystone-ATS)

NEW YORK - La compagnia petrolifera britannica Bp ha annunciato che la cementificazione del pozzo della piattaforma Deepwater Horizon, all'origine della marea nera del Golfo del Messico, è riuscita.
"Abbiamo un tappo di cemento", si afferma nell'annuncio fatto dalla Bp sul proprio sito internet dando conto dei risultati di un test. Questo "era il risultato auspicato", ha aggiunto il gruppo dichiarando che "al momento non esce petrolio nel Golfo".
La chiusura definitiva del pozzo col cemento era stata annunciata giovedì scorso. Il cedimento della piattaforma, avvenuta il 22 aprile, ha causato la più grande perdita di petrolio mai avvenuta negli Stati Uniti: sono finiti in mare 4,9 milioni di barili, pari a 780 milioni di litri, anche se tre quarti del greggio è stato in recuperato o in qualche modo eliminato.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.