Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

NEW YORK - "Lo sversamento sottomarino nel Golfo del Messico è un disastro ambientale peggiore di quello causato dall'esplosione di un reattore nucleare a Chernobyl nel 1986". Così Nicholas A. Robinson ha definito la marea nera che si propaga al largo degli Stati Uniti.
Intervenendo alla Conferenza internazionale ICEF sulla governance globale per l'ambiente, il co-direttore del Centro per gli studi giuridici ambientali Pace Law School di New York ha detto che "è un vero assalto alla vita sottomarina che né la BP, né nessun altro sa come fermare. Finora è stato catturato solo il 10% del flusso del petrolio con misure palliative e la corrente sta portando la chiazza sulla costa atlantica degli Stati Uniti".

SDA-ATS