Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

WASHINGTON - Quello della marea nera è un assalto in corso contro le coste del Golfo del Messico. Lo ha detto il presidente Barack Obama parlando a Theodore in Alabama.
Obama è stato ieri in Mississippi e Alabama e oggi sarà in Florida. "Ci vorrà tempo perché le cose tornino alla normalità, ma ve lo posso promettere: lavoreremo senza tregua e torneranno alla normalità", ha detto Obama. "Proteggeremo il Golfo del Messico e la sua cultura per i nostri figli e i nostri nipoti", ha ancora affermato il presidente. "La crisi della marea nera minaccia un intero modo di vivere che esiste da generazioni", ha aggiunto.
Obama ha proseguito affermando che la sua amministrazione ha avuto "conversazioni costruttive" con la BP in vista della creazione del fondo blindato per gli indennizzi. Egli ha auspicato che i contatti arrivino a maturazione domani quando incontrerà alla Casa Bianca i vertici della società petrolifera.
A questo proposito, il leader del Senato Harry Reid ha chiesto in una lettera all'amministratore delegato della BP Tony Hayward che la multinazionale accantoni 20 miliardi di dollari nel fondo. "Sarebbe un atto di buona fede da parte della BP e un modo di migliorare l'immagine della società più di quanto non possa fare la costosa campagna pubblicitaria che avete intrapreso", ha scritto Reid che ha dato a Hayward fino a venerdì per rispondere alla richiesta.
In un'altra lettera di 14 pagine inviata ai vertici della BP alla vigilia dell'audizione a Capitol Hill, i deputati Henry Waxman e Bart Stupak della Commissione energia e commercio della Camera accusano il gigante del petrolio di aver preso decisioni che "hanno aumentato il rischio al pozzo all'origine della marea nera".
La lettera dei due deputati che hanno guidato la sottocommissione parlamentare di indagine sulle decisioni fatali che hanno portato all'esplosione della Deepwater Horizon elenca cinque decisioni prese dall'azienda per accelerare il completamento dei lavori sul pozzo che era significativamente in ritardo rispetto ai tempi previsti: "a quanto pare la BP scelse ripetutamente procedure rischiose per ridurre i costi e i tempi senza prendere precauzioni per minimizzare il pericolo".

SDA-ATS