Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Marea nera: petrolio in profondità 'intossica' plancton

ROMA - A venti giorni dalla chiusura della falla che ha provocato la marea nera nel Golfo del Messico c'è ancora petrolio sul fondo, e sta intossicando gli organismi più piccoli. Lo hanno dimostrato i ricercatori della South Florida University, che oltre a trovare idrocarburi in profondità hanno dimostrato che questi sono velenosi per il fitoplancton, il primo anello della catena alimentare marina.
La spedizione, riporta il Los Angeles Times, è durata 20 giorni, e ha raccolto campioni di sedimenti nel DeSoto Canyon, un'area a est della zona della falla molto importante per la vita marina. Dalle analisi preliminari, effettuate con i raggi ultravioletti, è emersa la presenza di una 'costellazionè di sostanze derivate dal petrolio nei sedimenti. I ricercatori hanno esposto poi campioni di fitoplancton e batteri all'acqua prelevata sia in superficie che in profondità: "La popolazione di fitoplancton diminuisce drasticamente se esposta alle acque profonde - spiega l'esperto - mentre quella di batteri non sembra essere affetta, mentre per quelle superficiali vale il contrario".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.