Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Marion Maréchal-Le Pen, nipote di Marine, ha annunciato l'addio alla politica.

KEYSTONE/AP/BOB EDME

(sda-ats)

Marine Le Pen "deplora profondamente" il ritiro dalla vita politica della nipote Marion Maréchal Le Pen. "Come dirigente politica - scrive in un tweet - deploro profondamente la decisione di Marion ma ahimé, come mamma, la capisco".

A tre giorni dalla sconfitta del Front National nelle elezioni presidenziali, Marion-Maréchal Le Pen rinuncia sia alla candidatura alle politiche di giugno sia alla presidenza del gruppo FN nel Consiglio regionale della Provenza-Alpi-Costa azzurra.

In una lettera al Dauphiné Liberé, la deputata più giovane di Francia evoca "motivi personali e politici". Il primo è personalissimo, vale a dire la voglia di consacrare più tempo alla figlia Olympe. "Nei primi anni di vita, così preziosi, le sono mancata tantissimo ed è mancata terribilmente anche a me. È essenziale che abbia più tempo da consacrarle", scrive la deputata del Vaucluse, rivelando, inoltre, di aver sempre desiderato "un'esperienza nella vita civile. Amo il mondo dell'impresa".

Ma l'addio (lei assicura temporaneo) alla politica è anche dettato dalle pesanti tensioni che regnano nel Front National dopo la caporetto di domenica e la sua opposizione alla linea 'moderata' del numero 2 del partito, Florian Philippot, che ora vuole addirittura cambiare nome al Front National. E che i lepenisti duri e puri, tra cui Marion, considerano il primo responsabile della sconfitta.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS