Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Marine Le Pen nei guai, indagata per finanziamenti illeciti

In piena tormenta familiare, Marine Le Pen deve far fronte anche allo sbarco della magistratura in casa del Front National (Fn).

Riguarda ormai anche lei, oltre ai suoi più stretti collaboratori, l'inchiesta per finanziamento illecito e truffa per i soldi della campagna elettorale 2012. "Il carattere inverosimile dell'offensiva giudiziaria - ha twittato in serata la presidente Fn - dimostra che si tratta di un attacco politico".

L'inchiesta si aggiunge a quella di Strasburgo per gli assistenti degli eurodeputati del partito accusati di prendere lo stipendio dal parlamento europeo ma di lavorare in realtà esclusivamente per il Front National.

Apparsa stanca e provata ieri sera in diretta tv, quando ha annunciato di aver "avviato una procedura disciplinare" nei confronti del padre, invitandolo a "mostrare saggezza ritirandosi" dalla politica attiva, Marine Le Pen ha avuto oggi un risveglio ancora più difficile. Da giorni il cerchio delle indagini si stringe attorno a Frédéric Chatillon e alla sua società Riwal, la ditta alla quale si rivolgeva il Fn per i servizi relativi all'organizzazione della campagna per le presidenziali di Marine.

Stamattina Le Monde ha anticipato il succo di quanto avrebbe rivelato nella sua edizione del pomeriggio: nelle carte dei giudici che indagano su Riwal si spiega che alla presidente del partito può essere rimproverato di aver stipendiato "in modo fittizio, con contratti a durata determinata, durante la sua campagna, due suoi consiglieri: David Rachline, consigliere per la comunicazione, e Nicolas Bay, portavoce". Secondo i magistrati, questi stipendi "versati dalla Riwal soltanto durante le campagne per le presidenziali e le legislative 2012, appaiono come una dissimulazione di donazioni ai candidati".

Bay, diventato poi segretario del partito, sarebbe stato stipendiato come "redattore" per un totale di circa 7000 euro (7273 franchi), Rachline, come "responsabile di progetto", ha percepito oltre 4500 euro. Marine Le Pen è coinvolta anche per finanziamento illecito sempre da parte della Riwal del suo amico Chatillon, che nel 2012 e nel 2013 avrebbe elargito al Front e all'associazione ad esso vicina, "Jeanne", beni, servizi e benefit vari a prezzi inferiori al mercato: locali messi a disposizione del partito, concessione di prestiti a interesse zero, pagamento di fatture per lavori vari.

Infiniti i rivoli dell'inchiesta, dai 412'000 finiti nelle casse del Front grazie a fatture di tipografia gonfiate (manifestini che nessuno ha mai visto) o a 525 "kit di campagna elettorale" forniti ai candidati Fn alle politiche di giugno 2012. Kit praticamente "obbligatori", nel senso che nessun candidato li aveva mai chiesti, e di valore forfettario fino a 16'000 euro l'uno.

Nuvole nere si addensano sulla collina di Saint-Cloud, il feudo della famiglia Le Pen a ovest di Parigi, dove sorge la villa di Jean-Marie e, poco lontano, la dimora di Marine. Altre se ne preparano su Nanterre, la roccaforte del partito per il quale il padre fondatore, sotto attacco, prevede il peggio: "Non riesco a capire perché la signora Le Pen agisca così - ha detto stamattina parlando della figlia come di un'estranea - sta provocando l'esplosione del partito. Poteva vincere, e invece si crea da sola delle difficoltà con il fondatore del partito. Che, fra l'altro, è anche suo padre".

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.