Navigation

Marocco: domani votazione su riforma costituzione

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 giugno 2011 - 18:08
(Keystone-ATS)

Oltre 13 milioni di marocchini sono chiamati domani alle urne per pronunciarsi sulla riforma costituzionale proposta lo scorso 17 giugno da re Mohammed VI. Nel progetto sottoposto a referendum per la prima volta la monarchia marocchina rinuncia a parte dei suoi poteri assoluti in favore del Parlamento, del Governo e dell'amministrazione giudiziaria. Secondo un sondaggio diffuso oggi dal Ministero degli Interni, circa l'80% di chi si recherà alle urne voterà "sì".

Se il risultato del referendum appare dunque scontato, l'affluenza al voto è invece molto più incerta. Quasi tutti i partiti politici legali (in Marocco se ne contano circa una trentina) hanno dichiarato il loro sostegno all'iniziativa del re. Tuttavia è nelle piazze e nell'astensione che si gioca la partita.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.