Navigation

Marocco: turiste uccise, chiesta esecuzione degli accusati

Chiesta la "pena di morte con esecuzione effettiva" KEYSTONE/EPA RITZAU SCANPIX/THOMAS SJOERUP sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 24 ottobre 2019 - 14:43
(Keystone-ATS)

"Pena di morte con esecuzione effettiva". Il collegio dei giudici di secondo grado aggrava le richieste per i tre esecutori materiali del duplice omicidio di Imlil.

Condannati in prima istanza alla pena capitale per aver decapitato due turiste scandinave, nel dicembre del 2018, in nome dell'Isis, i tre facevano parte di un gruppo organizzato di 24 persone, tutte coinvolte in modo diverso nell'uccisione. In Marocco la condanna a morte resta sospesa in virtù di una moratoria in vigore dal 1993.

Luisa Vesterager Jesperse, danese, 24 anni, e l'amica, Maren Ueland, norvegese di 28 anni, furono barbaramente uccise, mentre erano accampate per un trekking sulle montagne dell'Alto Atlante. I giudici della Corte d'assise d'Appello di Salè ora chiedono la pena di morte con esecuzione per i tre principali accusati e la condanna capitale anche per il quarto uomo che faceva parte del gruppo ma si è sfilato prima dell'uccisione delle due turiste. Gli avvocati della difesa hanno richiesto una perizia psichiatrica per i tre principali accusati.

Le parti civili hanno chiesto un indennizzo di 500 mila euro per la famiglia di Maren che vuole creare una fondazione "contro gli estremismi".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.