Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

È la fine di un'epoca: nella banlieue di Marsiglia il palazzo in cui Zinedine Zidane trascorse la sua infanzia verrà raso al suolo.

Qui siamo alla Cité de la Castellane, un lotto di imponenti edifici in cemento armato tristemente noto per criminalità, traffico di droga e alti tassi di disoccupazione. L'abbattimento dell'edificio G, quello in cui è cresciuta l'ex stella dei Bleus - segnerà l'avvio di una vasta opera di riqualificazione.

Alla Castellane risiedono in 7'000 abitanti ripartiti in 1'250 abitazioni in preda all'incuria e all'abbandono. Ma il quartiere è anche un labirinto difficilmente accessibile alla polizia che ogni giorno cerca di lottare contro i trafficanti di droga e la sanguinaria guerra tra gang. L'edificio G, lo stesso in cui Zidane è cresciuto prima di diventare campione del mondo, verrà abbattuto a metà aprile. Poi, nel 2017, sarà il turno della torre K, composta da 97 alloggi e ormai in mano a trafficanti e spacciatori.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS