Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Martin Ebner critica il piano dell'impresa elettrica Alpiq volto a vendere una parte delle sue centrali idroelettriche.

Secondo l'investitore elvetico, che detiene una partecipazione nel gruppo energetico, Alpiq deve mantenere il settore dell'energia idraulica e attendere che i prezzi risalgano.

"La mia impressione è che la direzione attuale voglia vendere il settore idroelettrico perché ritenuto troppo a buon mercato", ha dichiarato Ebner in un'intervista pubblicata oggi dal domenicale Schweiz am Sonntag. "Se fossi ai comandi, mi sbarazzerei dei servizi e non dell'energia idraulica".

Tra qualche anno il comparto dei servizi avrà meno valore a causa di sovra-capacità, ha spiegato l'investitore, mentre "quello idroelettrico avrà maggior valore, poiché avremo altri prezzi dell'elettricità rispetto ad oggi".

Martin Ebner ritiene "probabile" che i cantoni e i comuni riprendano le centrali idroelettriche ad Alpiq. A suo avviso, gli azionisti semi-pubblici dell'operatore elettrico potrebbero conservare il settore idraulico di Alpiq" per sempre, anche a un prezzo più basso.

Per gli azionisti privati come lui, la situazione "non è invece altrettanto incoraggiante", ha sottolineato.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS