Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un disegno della giornata di ieri mostra la sala del Tribunale distrettuale di Lenzburg durante il processo al 34enne accusato per il "massacro di Rupperwil" (AG).

KEYSTONE/WALTER BIERI

(sda-ats)

Il 34enne accusato nel processo per il "massacro di Rupperswil" (AG) ha chiesto scusa. Nelle sue battute finali espresse questa sera al Tribunale distrettuale di Lenzburg ha chiesto ai famigliari delle vittime di perdonarlo.

Lui solo è responsabile dei sui atti. Lui ha preso le decisioni, nessun altro, ha affermato, dicendosi dispiaciuto se l'impressione data è stata un'altra.

Nell'arringa della sua difesa vi sono stati diversi passaggi in cui poteva sembrare che le vittime avessero contribuito con il loro comportamento allo sviluppo degli atti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS