Navigation

Materiale bellico: aumentano le esportazioni nel 2011

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 febbraio 2012 - 11:43
(Keystone-ATS)

Sono cresciute lo scorso anno le vendite all'estero di armi elvetiche. La Svizzera ha infatti esportato in 68 paesi materiale bellico per un totale di 872,7 milioni di franchi, facendo registrare un incremento del 36% rispetto al 2010, ha reso noto oggi la Segreteria di Stato dell'economia (Seco).

A influenzare "in maniera decisiva l'incremento" sono state le esportazioni di velivoli militari da addestramento non armati negli Emirati Arabi Uniti, rileva la Seco in un comunicato. Il paese affacciato sul Golfo Persico ha speso in totale 258,1 milioni di franchi per assicurarsi gli aerei.

Complessivamente gli Emirati Arabi Uniti hanno speso 265,8 milioni di franchi e, nella classifica dei maggiori acquirenti, si sono piazzati al primo posto, davanti a Germania (239,6 milioni), Italia (57,2 milioni), Belgio (32,5 milioni) e Spagna (32,4 milioni).

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?