Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

È il bernese Matthias Sempach il re della lotta svizzera per i prossimi tre anni. È stato incoronato questo pomeriggio a Burgdorf, a conclusione della gara che in tre giorni ha visto sfidarsi 280 lottatori. Ha battuto in finale Christian Stucki, pure bernese. Alto 1,94 metri e pesante poco sopra i 100 Kg, Sempach ha messo con le spalle nella segatura il suo avversario, che pesa 140 Kg.

Sono stati tre giorni di Svizzera verace quelli della Festa federale e giochi alpigiani a Burgdorf (BE). Da venerdì a oggi non meno di 250 mila persone hanno assistito, con un entusiasmo che non conosce pari, a gare, cortei, esibizioni musicali, jodler e corni delle Alpi, lancio della famosa pietra di Unspunnen. Un budget di 25 milioni di franchi. Non è solo folclore, qui ci sono "radici e valori" che servono per affrontare il futuro. Parola del presidente della Confederazione Ueli Maurer.

La parte del leone della festa l'hanno fatta i 280 lottatori, giunti da ogni cantone: al vincitore del torneo in premio un toro di una tonnellata, battezzato "Fors von der Lueg". Fra gli altri "trofei distribuiti, due cavalli, un puledro, sette bovini e alcune campane. Un tempo il vincitore il lunedì mattina si presentava come nulla fosse nella stalla o sul suo mezzo agricolo; oggi lo attendono sedute dal fotografo e firme di contratti pubblicitari. Per un anno sarà re.

"Come gli alberi hanno bisogno di solide radici per affrontare la tempesta, così è anche per una nazione; occorre prendersi cura delle radici in un momento in cui tante cose cambiano tutt'intorno a noi". Sono parole del consigliere federale Ueli Maurer, presente ai tre giorni di manifestazione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS