Navigation

Maurer: viaggi all'estero per creare nuovi legami

Ueli Maurer, nella conferenza stampa di fine anno, stila un bilancio del suo mandato quale presidente della Confederazione. KEYSTONE/PK sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 27 dicembre 2019 - 14:21
(Keystone-ATS)

Ueli Maurer, nella conferenza stampa di fine anno, stila un bilancio del suo mandato quale presidente della Confederazione, mettendo al centro i viaggi all'estero: "quasi tutti hanno avuto lo scopo di creare legami nel quadro della riforma fiscale dell'OCSE".

"Abbiamo creato una rete che ci permette di dire la nostra sul tema", ha detto oggi Maurer ai media a Berna. Il consigliere federale ha incontrato tutti i ministri delle finanze europei fino a cinque volte. Servono però ulteriori sforzi. Entro la fine del 2020 oltre 130 Stati si adegueranno alle nuove regole dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE).

Le novità sono due: in un primo momento i guadagni delle imprese saranno tassati anche dove non c'è una presenza fisica, ma solo partecipazione al mercato. Secondariamente sarà garantita una tassazione minima nei confronti delle società. Maurer ha recentemente stimato, in un'intervista alla "Neue Zürcher Zeitung", le possibili perdite fiscali fra gli 0,5 e i 5 miliardi di franchi.

Per gli anni a venire, sempre secondo Maurer, la Svizzera è ben posizionata per fare la sua parte negli ambiti della finanza sostenibile e nella regolamentazione dell'intelligenza artificiale. La capacità di rimanere all'avanguardia è provata dal fatto che la moneta virtuale di Facebook chiamata Libra ha scelto Ginevra come sede. In questo settore bisognerà però vigilare bene, in modo da non finire in zone grigie.

Per quel che riguarda i rapporti con l'Unione europea, il presidente della Confederazione uscente afferma che, con ogni probabilità, nuove dinamiche nasceranno una volta terminata la procedura della Brexit. Il fatto che con Ursula von der Leyen ci sia una nuova presidente della Commissione europea è visto come un fatto positivo, anche se non bisogna riporre troppe speranze in una sola persona.

Più in generale, Maurer valuta la legislatura appena passata come "molto buona" ed ha reso possibile la chiusura di dossier pendenti da molto tempo. Un esempio in questo senso è lo scambio automatico di informazioni siglato con numerosi Stati.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.