Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

FRIBURGO - La cicogna Max è ritornata la scorsa domenica nel suo nido al sud della Germania. Il grosso volatile studiato dall'università di Friburgo da oltre una decina d'anni ha lasciato la sua area invernale in Spagna lo scorso 20 gennaio.
In più tappe la cicogna bianca, che a dispetto del suo nome è una femmina, ha attraversato con tutta tranquillità l'Europa per poi arrivare domenica a Tüfingen, al nord del lago di Costanza. Sabato, ha volato d'un tratto dal dipartimento francese dell'Ain alla città di Zurigo per circa 300 km. Ha poi trascorso la notte al zoo dove le cicogne fanno i loro nidi.
Secondo l'università di Friburgo, sia il volatile che il suo trasmettitore sono in buone condizioni. Max voleva insediarsi di nuovo nel nido che ha già condiviso negli ultimi tre anni con lo stesso compagno a Tüfingen. Ma Il maschio non è però ancora tornato sul posto e lunedì una cicogna non inanellata ha scacciato "da casa" Max.
Max la cigogna è stata dotata dal luglio del 1999, poco tempo dopo la nascita ad Avanches (VD), di un trasmettitore satellitare. Ha trascorso l'inverno otto volte di seguito in Africa del Nord e poi tre volte in Spagna. I suoi spostamenti possono essere seguiti sul sito internet del Museo di storia naturale di Friburgo (www.fr.ch/mhn). Max detiene il record mondiale di durata di monitoraggio.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS