Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BASILEA - La Bce si aspetta ora una politica di rigore nei bilanci pubblici dai governi europei, all'indomani del maxi-piano di difesa dell'eurozona da 750 miliardi di euro. E' quanto ha ribadito il presidente della Bce Jean Claude Trichet, che ha ribadito quanto affermato dall'istituto subito dopo la decisione dei governi di questa notte.
Trichet ha citato lo stesso comunicato emesso al termine dell'Ecofin, dove i governi si impegnano a prendere "tutte le misure necessarie per raggiungere gli obiettivi di bilancio di quest'anno e i successivi" e delle ulteriori misure addizionali prese da alcuni paesi. "Per noi - ha spiegato - questo impegno è stato assolutamente decisivo".
Trichet ha quindi aggiunto come l'elemento "essenziale per tutti i paesi è il rispetto di una politica di bilancio sostenibile e credibile", spiegando poi come la decisione sia stata presa allo scopo di riassicurare la liquidità in quei mercati "che hanno mostrato disfunzioni". Il presidente Bce non ha voluto fornire dettagli sul calendario del programma di operazioni di acquisto titoli né fornire i nomi dei paesi interessati.

SDA-ATS