Navigation

Media GB: Cummings ha violato il lockdown più di una volta

Dominic Cummings KEYSTONE/EPA/ANDY RAIN sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 24 maggio 2020 - 10:08
(Keystone-ATS)

Dominic Cummings, controverso braccio destro del premier britannico Boris Johnson, avrebbe violato le misure di lockdown più di una volta.

Lo rivelano l'Observer e il Sunday Mirror, dopo che venerdì altri media britannici avevano riferito di una prima violazione a fine marzo quando il consigliere - di cui Downing Street ha preso le parti - si trasferì da Londra a Durham, nel nordest dell'Inghilterra, mentre avrebbe dovuto rispettare l'auto-isolamento per aver manifestato i sintomi del coronavirus.

Secondo i due domenicali, Cummings sarebbe stato visto da testimoni altre due volte nella zona, di cui una quando era già rientrato al lavoro a Londra: la prima il 12 aprile a Barnard Castle, a circa 40 km da Durham; la seconda il 19 aprile a Houghall Woods, sempre vicino a Durham. Cummings, che è stato fotografato a Londra il 14 aprile, deve ancora rispondere delle nuove accuse, riporta la Bbc, ma il Sunday Telegraph riferisce che il consigliere avrebbe detto a Downing Street che le accuse sul secondo viaggio fuori Londra sono "totalmente false".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.