Navigation

Medicine complementari di nuovo rimborsate dal 2012

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 gennaio 2011 - 15:40
(Keystone-ATS)

BERNA - Dal primo gennaio 2012, per un periodo transitorio di sei anni, cinque terapie di medicina complementare saranno rimborsate dall'assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie.
Si tratta della medicina antroposofica, dell'omeopatia, della terapia neurale, della fitoterapia e della medicina tradizionale cinese, ha annunciato oggi il consigliere federale Didier Burkhalter in una conferenza stampa.
Il Dipartimento dell'interno ha incaricato l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) di preparare nel primo semestre di quest'anno l'ordinanza sulle prestazioni mediche che dovrà precisare le modalità di rimborso per ognuna delle terapie. La Legge sull'assicurazione malattie (LAMal) non sarà invece modificata.
Il periodo transitorio dovrà servire a chiarire gli aspetti controversi della medicina complementare: finora, ha spiegato Burkhalter, non è stato possibile provare che queste terapie soddisfino pienamente i criteri di efficacia, adeguatezza ed economicità stabiliti dalla legge.
La decisione di riammettere, seppur provvisoriamente, le medicine complementari tiene conto dell'esito della votazione popolare del 17 marzo 2009 nella quale il popolo e tutti i cantoni avevano accettato il relativo articolo costituzionale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?