Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Una miniera di diamanti enorme, formatasi dentro al cratere aperto da un frammento di asteroide in una località sperduta della Siberia, in Russia, e tenuta segreta per tutti gli anni della Guerra Fredda dall'Urss che la considerava una "riserva strategica", potrebbe ora provocare, secondo gli esperti, una "rivoluzione" sui mercati.

Siamo a Popigai, Siberia orientale, 400 km dal primo centro abitato e 2.000 km a nord del capoluogo Krasnoiarsk. Scoperta all'inizio degli anni 70, questa miniera di diamanti fu subito nascosta dal più grande mistero dalle autorità dell'allora Unione sovietica. Questa settimana, per la prima volta da quando fu riscoperta nel 2009, i ricercatori dell'Istituto di geologia e minerali di Novossibirsk hanno cominciato a rivelare dettagli sul gigantesco giacimento che formò all'interno del cratere di un asteroide caduto sulla terra 35 milioni di anni fa ed ha un diametro di ben 100 km.

L'impatto d'urto, hanno spiegato gli esperti, ha trasformato istantaneamente la grafite del suolo siberiano in minuscoli diamanti che si sono sparpagliati in un raggio di dieci chilometri dal punto di caduta. Le pietre hanno un diametro che va da 0,5 a due millimetri e si presentano in diversi colori: grigio, blu, giallo. La portata straordinaria della scoperta, hanno detto i ricercatori, sta nel fatto che le riserve di diamanti di Popigai, molto utilizzati nel settore dell'aeronautica e delle perforazioni, sono 110 volte superiori alle riserve di tutto il mondo.

Inoltre, le pietre del giacimento siberiano sono due volte più resistenti dei diamanti industriali. All'epoca, tuttavia, l'Urss preferì costruire fabbriche di diamanti sintetici e lasciare la mega miniera così com'era. "Ai ritmi attuali di utilizzo dei diamanti industriali, le riserve di Popigai equivalgono a 3.000 anni di approvvigionamenti", ha spiegato il direttore dell'Istituto. Lo scarso 0,3% del giacimento che viene sfruttato al momento fornisce già 147 miliardi di carati, le riserve mondiali di diamanti sono pari a 5 miliardi di carati.

Il cratere di Popigai potrebbe rovesciare completamente la situazione sul mercato dei diamanti. Ed è impossibile prevedere cosa accadrebbe ai prezzi. Ma, avvertono gli esperti, lo sfruttamento di un giacimento in una zona cosi isolata a 200 km dalle coste artiche potrebbe anche rivelarsi un'impresa troppo costosa.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS