Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Gli Svizzeri bevono sempre di meno, in particolare vino prodotto in Svizzera. È quanto indicano i dati pubblicati oggi dalla Regia federale degli alcol (RFA), secondo cui il consumo pro capite globale di alcol puro è passato da 8,3 litri del 2013 a 8,1 nel 2014.

Tale flessione conferma una trend negativo in atto da tempo: nel 1995, il consumo per persona era ancora di 9,4 litri di alcol puro.

Tra il 1995 e il 2014, il consumo di vino è sceso gradualmente da 43,6 litri pro capite a 35,1 dell'anno scorso (2013: 36,1 l). Tra il 2013 e il 2014, la RFA ha registrato una flessione del consumo di rossi svizzeri (da 535'832 ettolitri a 488'699 ettolitri) e un aumento invece del consumo di prodotti esteri (da 1'293'224 ettolitri a 1'294'359 ettolitri).

Per i vini bianchi, il consumo è sceso globalmente da 896'104 ettolitri a 880'903 ettolitri. Anche in questo caso, però, si è assistito ad un aumento del consumo di bianchi importati: da 363'376 ettolitri del 2013 a 388'518 ettolitri dell'anno scorso.

L'unico prodotto in controtendenza nella categoria "vino", e di cui i residenti sembrano andare ghiotti, è lo spumante, il cui consumo è cresciuto da 168'249 litri 2013 a 177'624 litri dell'anno seguente.

Tra il 2013 e il 2014 il consumo di birra è rimasto costante - 55,8 litri per persona - ma dal 1995 ad oggi anche per questa bevanda l'assunzione pro capite è in flessione.

Per quanto riguarda i superalcolici, nel 2014 il consumo è stato in media di 3,7 l pro capite (2013: 3,8). L'assunzione di grappe e affini è rimasta pressoché costante dal 1995, indica la RFA.

Le statistiche della RFA tengono anche conto delle attività di prevenzione svolte dai cantoni e da associazioni private, attività sostenute anche con parte del provento della tassa sugli alcol.

Aumento vendita alcol a minori

Tra il 2013 e il 2014, la percentuale di alcol venduto a minorenni è salita in modo significativo attestandosi al 33,7% (dal 25,8%). Va detto che tra il 2013 e il 2014, il numero di prove eseguite è calato (da 5'503 a 5'022).

Nel 2004 - anno di riferimento - la percentuale si situava al 40,7%. Tra il 2004 e il 2014, questo dato presenta un andamento oscillatorio con un picco registrato nel 2005 (43,2%) e un livello più basso nel 2013.

I luoghi dove i minorenni hanno più facilmente accesso a bevande alcoliche - tasso vendita alcol per punti di vendita - sono stati, nel 2014, bar, caffé/ristoranti, negozi, take away, manifestazioni; i punti vendita nelle stazioni di servizio occupano il fondo della classifica.

Il 66% dei giovani che prima della 19.00 ha eseguito un acquisto (vino o birra) aveva meno di 16 anni. Passata quest'ora, l'età media aumenta a 17 anni (birra, vino o superalcolici).

A livello cantonale, nel 2014 in Ticino sono stati eseguiti tra 300 e 600 test d'acquisto; nei Grigioni meno di 100. Il tasso di vendita a minorenni oscilla per il Ticino tra il 35 e il 40% (più del 40% a Friburgo e Vaud), oltre quindi la media nazionale. Nei Grigioni il tasso è risultato inferiore al 20% (come Turgovia).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS