Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il mercato svizzero dei giocattoli va a gonfie vele: l'anno scorso le vendite hanno raggiunto i 460 milioni di franchi, in crescita del 2,1% rispetto al 2014. Si tratta del record degli ultimi quattordici anni.

I personaggi legati alle proiezioni di film (come "Guerre Stellari" ndr.) hanno particolarmente sedotto la clientela (+23,8%), scrive oggi l'associazione dei fabbricanti, importatori e fornitori del ramo SVS/ASJ.

Bene anche il mercato dei giocattoli all'aperto (+13,6%), dei giochi di costruzione (+8,8%) e di quelli tradizionali, quali i puzzle (+6,5%). Meno successo hanno avuto i giocattoli che stimolano la creatività (-18,5%), precisa la SVS/ASJ, secondo cui il fenomeno è imputabile alla diminuzione dei braccialetti di plastica colorati dopo il boom del 2014. In flessione pure le vendite di bambole (-4,9%) e di macchinine (-4,7%).

A Natale particolarmente forte è stata la domanda di giocattoli cari: fra i dieci più richiesti ne figurano infatti sette con un valore di oltre 100 franchi.

Per l'anno in corso, il presidente della SVS/ASJ Rolf Burri" si dichiara ottimista. "Il mercato dei giocattoli, che dipende fortemente della congiuntura, dispone di solide basi", ha aggiunto.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS