Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il logo di Mercedes (foto d'archivio).

KEYSTONE/AP/GENE J. PUSKAR

(sda-ats)

Mercedes Benz mette a segno una crescita a doppia cifra e nel 2016 conquista il primato mondiale tra i costruttori premium, con la vendita di oltre due milioni di veicoli.

Ad annunciarlo, alla vigilia del salone di Detroit, è stato Dieter Zetsche, numero uno del gruppo, precisando che si tratta di ''un obiettivo raggiunto con quattro anni di anticipo rispetto al 2020'' previsto.

Parlando nel corso della presentazione del lifting della nuova GLA, Zetsche ha precisato che ''il 2016 è stato l'anno di maggior successo nella storia di Mercedes Benz. Con le nuove auto con design d'avanguardia che ispirano i nostri clienti e con una crescita particolarmente forte, soprattutto in Cina e in Europa - ha detto -, abbiamo risalito la cima del segmento premium. E stiamo accelerando ulteriormente con le nuove tecnologie, prodotti e servizi''.

Nel dettaglio, le vendite della casa della stella sono cresciute nel 2016 dell'11,3% a quota 2,08 milioni di unità. Tra i mercati dove si è registrata una crescita più consistente figurano la Cina con un +26% e l'Europa con un +12%. Il costruttore tedesco si è inoltre affermato come marchio premium con il maggior numero di immatricolazioni di auto nuove in Germania e Stati Uniti.

Nuovo record anche per AMG che lo scorso anno ha messo a segno un +44,1% con quasi 100mila veicoli. Ma il primato riguarda anche il brand Smart che nel 2016 ha venduto di più rispetto al passato con 144mila unità e un rialzo del 21%. Zetsche ha anche posto l'accento sulle auto compatte (come la nuova Classe A) precisando che rappresentano un terzo delle vendite (636mila unità nel 2016) e che nei prossimi anni è previsto un ampliamento della gamma con altri 5 nuovi modelli.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS