Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Ministero pubblico di Bochum (D) sta svolgendo delle indagini riguardo alla consegna forse illegale di circa 500 tonnellate di mercurio e rifiuti contenenti mercurio ad un'azienda svizzera che opera nel settore del riciclaggio. Lo ha riferito oggi sulla pagina internet la testata svizzero tedesca "Beobachter". A questo proposito il Ministero pubblico di Berna, interrogato dall'ats, ha affermato di aver svolto un'inchiesta - su rogatoria proveniente da Bochum - all'interno dell'azienda Batrec di Wimmis (BE).

Dieter Offenthalter, direttore della Batrec ha confermato all'ats di aver ricevuto del materiale dall'impresa incriminata. Si tratterebbe però di rifiuti contenenti mercurio e non di mercurio puro. L'azienda ha comunque messo a disposizione delle autorità la relativa documentazione e reputa chiuso il caso.

L'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) ha comunicato all'ats che le importazioni in questione sono state esaminate e approvate secondo le basi giuridiche internazionali e nazionali.

SDA-ATS