Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Dopo i colloqui di ieri posso dire che è incerto che questi abbiano avuto successo, ma ha certamente avuto valore il tentativo". Lo ha detto stamani la cancelliera tedesca Angela Merkel alla conferenza sulla sicurezza di Monaco riferendo del vertice di ieri sull'Ucraina al Cremlino con il presidente russo Vladimir Putin e quello francese Francois Hollande.

Ha poi aggiunto che "la Russia deve dare il suo contributo a una soluzione pacifica". In Ucraina "non ci può essere una soluzione militare a questo conflitto", ha affermato.

Parlando di confini ha rilevato che essi vanno rispettati e "così la libertà dei popoli di decidere il loro futuro". La cancelliera tedesca ha poi sottolineato che l'Europa vuole lavorare alla sicurezza "con la Russia, non contro".

Oggi sono attesi al forum, al quale partecipa per la Svizzera il consigliere federale Didier Burkhalter, anche il vice presidente degli Stati Uniti Joe Biden, il ministro degli Esteri russo, Serghiei Lavrov e il presidente ucraino Petro Poroshenko.

Nel suo intervento, il responsabile della diplomazia elvetica sottolineerà l'importanza che Berna accorda alla continuità del lavoro svolto dall'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) per ristabilire un clima di sicurezza e di fiducia, aveva indicato giovedì il Dipartimento federale degli affari esteri in una nota.

Oggi pomeriggio è prevista anche una riunione della «troika» OSCE: vi fanno parte oltre a Burkhalter (presidente uscente dell'OSCE), il ministro degli esteri serbo e presidente in carica dell'OSCE Ivica Dacic e il ministro degli esteri tedesco Frank-Walter Steinmeier (presidente successore).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS