Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Almeno 32 persone sono morte e un altro centinaio ferite a causa di un'esplosione che ha causato gravi danni alla Torre Pemex, il grattacielo sede centrale dell'azienda statale petrolifera messicana, e provocato un crollo di due piani dell'edificio, che potrebbe tenere ancora intrappolati nelle macerie vari dipendenti della società.

L'esplosione è avvenuta intorno alle 16, ora locale, "i vetri volavano da tutte le parti pezzi di oggetti che non sapevo cos'erano, tutti le macchine che si sono messe a suonare insieme e sono rimasta congelata, senza sapere cosa fare finché ci hanno evacuati", ha raccontato alla stampa Indira Rojas, un'impiegata della Pemex.

L'origine dell'esplosione non è ancora stata stabilita, ma le autorità hanno dichiarato che l'ipotesi del sabotaggio è stata scartata e il coordinatore della Protezione Civile ha detto che secondo lui si è trattato di un'accumulazione di gas in un'istallazione di energia elettrica che fornisce energia alla torre, ma questa possibilità non è stata finora confermata.

Un altro punto poco chiaro è se ci siano ancora persone intrappolate dalle macerie della Torre Pemex: membri della squadra di riscatto Topos, specializzati nel soccorso in costruzioni distrutte da terremoti, hanno indicato alla stampa che nell'edificio B-2 - dove secondo la direzione dell'azienda è avvenuto l'incidente - sono crollate le pareti di due piani dell'edificio, e qualche decina di persone sarebbe restata senza uscita. Il governo messicano, però, non ha voluto confermare questa versione, nemmeno dopo che si è sparsa la voce che almeno 15 cani di gruppi di soccorso della Polizia Federale e di associazioni civili sono arrivati per partecipare alle attività di ricerca.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS