Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un esperto dell'Università nazionale autonoma del Messico è riuscito a decifrare per la prima volta il significato di un glifo della scrittura dei Maya, rendendo possibile la lettura di numerose iscrizioni appartenenti a questa civiltà precolombiana.

Guillermo Bernal, del centro di studi maya dell'Istituto di ricerche filologiche dell'ateneo messicano, è riuscito a "leggere" il glifo noto come T514, un segno finora misterioso che rappresenta un giaguaro - animale sacro per i Maya - con le fauci aperte che mostrano uno strano oggetto, detto "yej", ossia "cosa affilata".

Finora si pensava che lo "yej" rappresentasse un molare dell'animale, ma Bernal ha scoperto che il suo significato è anzitutto simbolico, mentre il suo uso dimostra come la civiltà Maya era ben più aggressiva e bellicosa di quanto si fosse ipotizzato finora.

"Ora potremo capire come i Maya erano non solo grandi pensatori e scienziati, ma anche un popolo di guerrieri combattenti, capaci anche di arrivare a gradi estremi di violenza", ha spiegato il filologo messicano.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS