Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Migliaia di persone hanno manifestato a Città del Messico per chiedere una completa indagine sulla scomparsa di 43 studenti cinque mesi fa. In prima fila, nella marcia, i genitori degli universitari, riferisce la Bbc online.

Secondo i procuratori, gli studenti sono stati arrestati da agenti di polizia corrotti dopo una protesta nella città di Iguala, il 26 settembre scorso, e consegnati a una banda di narcos locali che li ha uccisi.

Per l'Attorney general, Jesus Murillo Karam, i criminali li hanno assassinati in una discarica, bruciato i corpi e sparso le ceneri. Esperti della scientifica in Austria hanno condotto test del Dna su frammenti trovati in una busta nella zona e hanno identificato uno dei 43 studenti.

Da cinque mesi, i parenti attendono di avere una risposta e, nella protesta di ieri, hanno chiesto le dimissioni del presidente Enrique Pena Nieto, respingendo le conclusioni ufficiali dell'inchiesta e chiedendo che il governo faccia di più per chiarire la vicenda.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS