Tutte le notizie in breve

Primavera molto calda

KEYSTONE/APA/APA/HANS PUNZ

(sda-ats)

Il maggio 2017, malgrado il freddo iniziale, ha registrato temperature di un grado e mezzo superiori alla norma: la primavera è stata la terza più calda dall'inizio delle misurazioni nel 1864.

È il bilancio stilato oggi dall'Ufficio federale di meteorologia e climatologia (MeteoSvizzera).

Il mese ha avuto un inizio freddo e umido, con localmente temperature fino a 5-6 gradi inferiori rispetto alla media dal 1981 al 2010. Ma poi, dalla metà del mese e soprattutto dal 24 maggio, le giornate estive (oltre i 25 gradi) e canicolari (oltre i 30 gradi) hanno ribaltato la situazione. Così globalmente maggio è risultato di 1,2 gradi più caldo della norma a livello nazionale. E nella zone di montagna la colonnina del mercurio si è situata fino a 1,5 gradi sopra la media.

Lo sviluppo della vegetazione è ora in anticipo di alcuni giorni, malgrado le temperature molto basse da metà aprile a inizio maggio. La primavera del 2017 ha infatti registrato 1,7 gradi più del solito. Finora, dal 1864, sono risultate più calde quelle del 2007 e del 2011, rispettivamente di 2,3 e 2,5 gradi.

Infatti il soleggiamento nella maggior parte delle regioni svizzere si è attestato dal 110 al 130% della norma. Nel sud del Ticino ha raggiunto il 135% e addirittura il 150% sulle alture del Giura.

Riguardo alle precipitazioni, gran parte del versante nord alpino ha ricevuto dal 60 all'80% della quantità normale; il meridione delle Alpi e l'Engadina dal 70 al 90%. Nella media o anche un po' superiori sono state le piogge cadute in Vallese centrale e in alcune zone nord alpine del centro e dell'est del Paese.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve