Navigation

Michael Jackson: genitori divorziano dopo 60 anni matrimonio

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 agosto 2010 - 16:01
(Keystone-ATS)

WASHINGTON - Da anni non vivevano più sotto lo stesso tetto e quasi non si vedevano più. Ora però, Joe e Katherine Jackson, i genitori del 're del Pop', dopo oltre 60 anni di matrimonio, hanno deciso di divorziare.
I motivi della rottura non sono stati resi noti ufficialmente. Tuttavia i media americani ritengono la scelta definitiva sia stata presa dalla signora dopo essere stata accusata dal marito di essere la responsabile della morte del figlio, per non essere stata al suo fianco nei momenti più difficili della sua vita.
Joe, accusato a più riprese da Michael di continui maltrattamenti quando era un bambino, ha detto di aver supplicato la moglie, nel corso degli anni, di occuparsi di più della vita del figlio. "Però - racconta il padre - lei rispondeva che Jacko aveva bisogno di privacy".
Sembra che quest'ultima frase sia stata la goccia che abbia fatto traboccare il vaso. Sinora la madre di Michael, che nei mesi scorsi ha ottenuto la custodia dei tre nipotini, Paris, Prince e Blanket, non aveva mai accettato il divorzio per motivi religiosi. Però ora evidentemente non ne ha potuto più e ha cambiato idea.
Più volte Michael aveva indicato la madre Katherine come la figura chiave della sua vita. Si spiega così come mai sia stata lei la destinataria della gran parte della fortuna lasciata in eredità dalla star.
Il padre, Joe, da parte sua, l'anno scorso si è presentato davanti al giudice per chiedere 20 mila dollari al mese per mantenersi, dopo aver scoperto di essere stato escluso da testamento del figlio.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.