Navigation

Migliaia in piazza a Tunisi, lacrimogeni

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 aprile 2012 - 20:16
(Keystone-ATS)

La tensione resta alta a Tunisi, dove migliaia di manifestanti anti-governativi hanno sfidato il divieto delle autorità a sfilare nella centrale Avenue Habib Bourguiba, punto focale delle rivolte che circa un anno fa hanno spazzato via il presidente Zine al-Abidine Ben Ali, e si sono scontrati con la polizia che ha usato gas lacrimogeni. Almeno 15 i feriti tra i manifestanti e 8 tra le forze dell'ordine.

Intanto la formazione politica Ennahda, il partito islamico moderato, che ha vinto le elezioni in Tunisia a ottobre 2011, ha lanciato un appello al popolo a essere pazienti e a dare una possibilità al governo.

Almeno 2.000 persone sono scese per strada per commemorare la giornata dei Martiri, la repressione da parte delle truppe francesi nel 1938 contro i movimenti nazionalisti. Una volta raggiunta l'arteria principale della capitale, dove dal 28 marzo sono vietati assembramenti o cortei, la polizia ha sparato lacrimogeni in direzione della folla.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?