Navigation

Migranti: 445'000 fermati in Turchia nel 2019

Sono 445'000 i migranti fermati nel 2019 senza regolari documenti in Turchia. L'anno scorso erano 268'000. KEYSTONE/EPA/ERDEM SAHIN sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 30 dicembre 2019 - 13:22
(Keystone-ATS)

Sono 445'000 i migranti fermati nel 2019 senza regolari documenti in Turchia, molti dei quali tentavano di oltrepassarne le frontiere per recarsi nei territori dell'UE. Si tratta di un significativo aumento rispetto ai 268'000 dello scorso anno.

Inoltre, 105'000 sono stati rimpatriati nel 2019 nei Paesi d'origine, in crescita rispetto ai 68'000 dello scorso anno. Lo ha reso noto il ministro dell'Interno di Ankara, Suleyman Soylu, tracciando un bilancio di fine anno in un'intervista alla CNN turca.

"Si tratta di una grande ondata migratoria, di cui è responsabile l'Occidente", ha sostenuto Soylu.

Ankara ha più volte accusato i Paesi europei di non contribuire sufficientemente alla gestione dei rifugiati siriani in Turchia e degli altri flussi migratori verso il Paese, che avrebbero come obiettivo finale propri l'UE.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.