Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Angelina Jolie

KEYSTONE/AP/EMRAH GUREL

(sda-ats)

Nel dramma globale della crisi dei migranti non sono né l'Europa, né l'Occidente a "compiere i sacrifici più grandi".

Parole di Angelina Jolie che, in un'intervista alla Bbc in qualità di inviata speciale dell'Unhcr, ha bacchettato quei Paesi europei che sono ricorsi a muri e barriere.

"C'è il rischio che si faccia una gara a chi è più tosto, a chi difende meglio i proprio confini, incurante del danno che si può provocare agli Stati vicini o delle responsabilità internazionali", ha attaccato la Jolie che più volte si è recata in visita ai campi profughi ospitati dalla Giordania e dal Libano.

"L'isolazionismo non è la risposta", ha ammonito l'ex Lara Croft insistendo: "Se la casa del tuo vicino va a fuoco, non sei al sicuro semplicemente chiudendo le porte di casa tua. La forza risiede nel non avere paura".

La Jolie ha partecipato alla giornata "World on the move", organizzata dalla Bbc e dedicata all'emergenza migranti. Oltre 60 milioni di persone - ha ricordato la regista - sono sfollate, il numero più alto degli ultimi 70 anni. "E, in media, un profugo rischia di rimanere sfollato per 20 anni. Possiamo sorprenderci se poi quelle persone disperate, che non hanno alternative né la possibilità di tornare nei loro paesi, cerchino in tutti modi di arrivare in Europa a costo di morire?", si chiede l'attrice-attivista concludendo: "L'Europa è soltanto una piccola parte del problema globale dei rifugiati".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS