Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La polizia bulgara ha salvato oggi 111 migranti clandestini, 61 dei quali bambini, 26 donne e 24 uomini, che stavano per annegare nelle gelide acque del fiume Maritsa, nella zona di Svilengrad, vicino al confine con la Turchia.

I migranti si sono dichiarati siriani ma nessuno di essi possiede un documento di identità. Secondo i primi accertamenti, la notte scorsa i migranti avrebbero navigato lungo il fiume a bordo di barche di trafficanti turchi e sarebbero stati lasciati su una piccola isola nel mezzo del corso d'acqua. La polizia li ha salvati mentre cercavano di raggiungere a nuoto una delle rive del fiume.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS