Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Alcuni migranti iraniani del campo di Calais, in corso di sgombero, si sono cuciti la bocca con ago e filo oggi per protestare contro l'operazione di smantellamento e di trasferimento degli occupanti della cosiddetta "giungla" in altre zone di accoglienza del Paese.

Al terzo giorno di smantellamento, un gruppo di migranti ha inscenato un breve corteo nei sentieri del campo mostrando a telecamere e fotografi le bocche cucite. Imbracciavano cartelli con le scritte "We are humans" (siamo umani) e "Dov'è la vostra democrazia? Dov'è la vostra libertà?". Alcuni addetti di Médecins sans frontieres hanno detto che i migranti gli avevano chiesto di cucire loro la bocca: "lo hanno fatto poi da soli, senza badare troppo alle norme sanitarie, sterilizzando gli aghi riscaldandoli".

Più tardi in serata, la prefetto di Calais, Etienne Desplanques, ha espresso "profonda impressione" per l'azione da parte di "due migranti", ma ha aggiunto che "nulla giustifica tali gesti estremi quando lo stato si adopera con tutti i mezzi per far uscire i migranti dalle condizioni indegni nelle quali sopravvivono".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS