Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Anche la Croazia, che fa parte dell'Unione europea ma non della zona Schengen, da venerdì dovrà adottare le nuove regole di Bruxelles sui controlli rafforzati e dettagliati ai confini europei esterni e interni.

I cosiddetti "controlli sistematici" dovranno essere attuati ai valichi con Serbia, Bosnia e Montenegro, che non sono membri dell'Ue, ma anche a quelli con Slovenia e Ungheria, Paesi membri dell'Unione. In pratica, i documenti di ogni persona, sia in entrata che in uscita dal Paese, dovranno essere verificati in due banche dati elettroniche, quella del sistema del ministero degli Interni di Zagabria e dell'Interpol.

Finora la polizia di confine poteva sottoporre i cittadini dei Paesi Ue a un controllo dettagliato su propria discrezione, procedura che applicava raramente. Da venerdì non ci potranno essere eccezioni e tutti dovranno essere controllati.

Il ministero degli Interni croato ha annunciato che il nuovo regolamento quasi certamente provocherà rallentamenti e attese più lunghe ai valichi di confine.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS