Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In Grecia, il numero di arrivi via mare dall'inizio dell'anno ha superato il mezzo milione, dopo che nella giornata di ieri sono giunte sulle isole del Mar Egeo quasi 8mila persone, portando il totale a circa 502'500.

È quanto afferma in una nota l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (Unhcr) in un comunicato odierno precisando che il numero totale di arrivi in Europa attraverso il Mediterraneo ha finora superato le 643mila unità.

Nella nota viene sottolineato che il picco di arrivi in Grecia va ad aumentare ulteriormente la pressione sulla capacità di accoglienza delle isole. "Molti dei rifugiati e dei migranti - continua ancora l'Organizzazione delle Nazioni Unite - cercano disperatamente di proseguire il loro viaggio verso altre destinazioni, nel timore che i confini davanti a loro possano chiudersi di nuovo. Questa mattina c'erano più di 27'500 persone sulle isole, in attesa di registrazione o di essere trasferite sulla terraferma".

In questo contesto come in altre parti d'Europa, secondo l'Unhcr "è di primaria importanza che siano garantite condizioni di accoglienza adeguate. Se questo requisito essenziale non viene soddisfatto, potrebbe essere compromesso il funzionamento ed il successo dell'intero programma di ricollocamento, che l'Europa ha deciso a settembre".

Per affrontare l'attuale situazione in Europa ed evitare movimenti secondari irregolari, avverte l'Unhcr, "sono necessarie diverse misure di stabilizzazione nei paesi di primo asilo e in tutti i paesi in cui avvengono movimenti secondari. Tali misure comprendono un forte sostegno ai paesi che ospitano il gran numero dei rifugiati siriani, iracheni e afghani, una campagna informativa sui pericoli del viaggio in mare e lo sviluppo di percorsi legali per cercare protezione in Europa". "Nei paesi interessati da movimenti secondari in Europa - conclude l'Unhcr - devono essere compiuti sforzi significativi affinché si sviluppino sistemi validi di accoglienza e solide capacità di registrazione in modo che il programma di ricollocamento possa funzionare".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS