Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Migranti: Grecia, Unhcr deplora condizioni nuovi siti (foto d'archivio).

KEYSTONE/EPA ANA-MPA/YANNIS KOLESIDIS

(sda-ats)

L'Alto commissariato Onu per i rifugiati (Unhcr) ha espresso oggi "seria preoccupazione per le condizioni al di sotto degli standard" di diversi siti nel nord della Grecia, dove i rifugiati e migranti sono stati sfollati questa settimana dal sito di Idomeni.

"L'Unhcr esorta le autorità greche, con il supporto finanziario fornito dall'Unione europea, a trovare rapidamente migliori alternative", ha detto a Ginevra la portavoce dell'agenzia dell'Onu per i rifugiati Melissa Fleming.

Se è vero che a Idomeni, un campo di fortuna, i rifugiati erano ospitati in pessime condizioni ed era necessario trasferirli altrove, le condizioni in alcuni dei siti dove sono portati rifugiati e immigrati sono "ben al di sotto degli standard minimi", ha affermato.

Alcuni rifugiati sono stati trasferiti in depositi o fabbriche in stato di abbandono, all'interno dei quali le tende sono state disposte in modo troppo ravvicinato, c'è poca aria e le forniture di cibo, acqua, servizi igienici, docce e elettricità sono insufficienti. L'Unhcr, pur osservando che lo sgombero di Idomeni si è svolto senza ricorso alla forza, ha anche espresso preoccupazione per casi di famiglie che risultano separate dopo il trasferimento.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS