Navigation

Migranti: Grecia nega accuse Nyt, 'nessun sito segreto'

La Grecia ha smentito l'esistenza di un sito segreto. KEYSTONE/AP/Ismail Coskun sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 11 marzo 2020 - 18:28
(Keystone-ATS)

"Non c'è alcun centro di detenzione segreto in Grecia". Lo ha dichiarato il portavoce del governo di Atene, Stelios Petsas, negando le accuse del New York Times, che aveva denunciato in un'inchiesta l'esistenza di "un sito segreto".

In questo presunto sito, nei pressi della frontiera con la Turchia, i migranti sarebbero stati trattenuti per poi essere respinti illegalmente, senza che potessero presentare richiesta di asilo.

"Tutto ciò che riguarda la sorveglianza delle frontiere o che implica la sicurezza è trasparente. Non c'è niente di nascosto" e "non vedo come un centro di detenzione di questo tipo potrebbe restare segreto", ha replicato ancora il portavoce greco.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.