Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'Ungheria ha messo a punto un piano per rimandare indietro in Serbia 17mila migranti giunti illegalmente nel Paese nei mesi scorsi. A riferirlo è l'emittente privata serba B92, secondo cui il ritorno in territorio serbo verrà organizzato a piccolo gruppi.

Almeno 190 migranti, ha precisato B92, sarebbero tornati in Serbia la notte scorsa attraverso "passaggi improvvisati lungo la barriera metallica al confine", e non attraverso il valico di frontiera di Horgos, dove, secondo l'emittente, sono accampati con tende circa 500 migranti e profughi in attesa di entrare in Ungheria legalmente e presentare domanda di asilo. Vengono consentiti trenta ingressi al giorno.

L'Ungheria ha rafforzato i controlli dopo il moltiplicarsi dei passaggi illegali a causa della chiusura delle frontiere in tutti i Paesi della cosiddetta "rotta balcanica". A sigillare per prima le frontiere era stata proprio il Paese magiaro, con la costruzione di una barriera metallica e di filo spinato lungo l'intero tracciato della frontiera con la Serbia.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS