Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"L'immigrazione sarà una grande sfida anche per il mondo del lavoro tedesco e probabilmente il prossimo anno porterà un lieve aumento della disoccupazione, per questo non dobbiamo perdere d'occhio la situazione".

Lo ha detto Angela Merkel, intervenendo al congresso di Ig Metall, giunto alla sua seconda giornata a Francoforte.

La cancelliera ha lodato la collaborazione del sindacato e ha assicurato che non ci sarà la sospensione del salario minimo per i migranti.

Parlando dell'immigrazione e ripetendo la frase che le è costata tante polemiche in queste settimane, "Wir schaffen das", ce la facciamo, Merkel ha riscosso dalla platea dei sindacalisti un grande applauso.

"Siamo di fronte a un altro aspetto della globalizzazione", ha spiegato ancora, "finora abbiamo conosciuto solo il lato dei nostri imprenditori che andavano all'estero, ora assistiamo a un fenomeno contrario, il mondo arriva da noi".

Merkel ha ringraziato tutti quei tedeschi che stanno aiutando volontariamente le autorità nell'accoglienza dei profughi, ha difeso le ragioni del suo viaggio in Turchia e ha ribadito che chi scappa da guerre e persecuzioni verrà accolto, chi invece giunge da paesi di origine sicuri dovrà tornare indietro.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS