Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Norvegia, Paese associato a Schengen, ha notificato alla Commissione Ue la decisione di ripristinare i controlli alle frontiere a partire da oggi, fino al 6 dicembre, a causa delle minacce all'ordine e alla sicurezza poste "dall'imprevedibile pressione migratoria".

Lo si apprende da fonti dell'Unione europea.

In un primo momento i controlli in Norvegia si focalizzeranno sui porti, ma si potrebbero estendere anche ai confini aerei, marittimi e via terra.

La Svezia aveva ripristinato i controlli alle frontiere un paio di settimane fa, dal 12 novembre al 12 dicembre. E li stanno continuando ad attuare anche Austria e Germania.

Malta li ha reintrodotti in occasione del vertice della Valletta e dureranno fino al 3 dicembre. Anche la Francia, già prima degli attacchi di Parigi, aveva notificato la decisione di ripristinare i controlli dal 13 novembre al 13 dicembre, in occasione della Conferenza sui cambiamenti climatici delle Nazioni Unite.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS