Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Norvegia, Paese associato a Schengen, ha notificato alla Commissione Ue la decisione di ripristinare i controlli alle frontiere a partire da oggi, fino al 6 dicembre, a causa delle minacce all'ordine e alla sicurezza poste "dall'imprevedibile pressione migratoria".

Lo si apprende da fonti dell'Unione europea.

In un primo momento i controlli in Norvegia si focalizzeranno sui porti, ma si potrebbero estendere anche ai confini aerei, marittimi e via terra.

La Svezia aveva ripristinato i controlli alle frontiere un paio di settimane fa, dal 12 novembre al 12 dicembre. E li stanno continuando ad attuare anche Austria e Germania.

Malta li ha reintrodotti in occasione del vertice della Valletta e dureranno fino al 3 dicembre. Anche la Francia, già prima degli attacchi di Parigi, aveva notificato la decisione di ripristinare i controlli dal 13 novembre al 13 dicembre, in occasione della Conferenza sui cambiamenti climatici delle Nazioni Unite.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS