Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Coreper, ovvero l'organo comunitario che riunisce i rappresentanti permanenti dei 28 governi Ue, ha dato il via libera al finanziamento del fondo europeo da 3 miliardi di euro per i profughi siriani in Turchia. Lo si apprende da fonti diplomatiche.

Il testo legislativo, sul quale è stato trovato l'accordo stamani, dovrà ora passare al Comitato bilancio del Consiglio. Nel pomeriggio il Coreper tornerà sul tema per alcuni dettagli tecnici prima dell'approvazione formale.

A restare all'esame sono, a quanto si apprende, alcuni punti di carattere tecnico e legale sollevati da cinque o sei Stati membri. Le questioni saranno affrontate nel pomeriggio da un gruppo di lavoro, con la prospettiva di arrivare a formalizzare l'intesa alla riunione dei rappresentanti permanenti dei 28 governi Ue del pomeriggio.

Anche l'Italia ha dato il suo ok all'accordo sui tre miliardi per i profughi in Turchia. Nello sciogliere la sua riserva tuttavia, Roma "si attende che la Commissione Ue usi un approccio coerente non prendendo in considerazione ai fini del calcolo del deficit l'intero dei costi sostenuti dall'Italia dall'inizio della crisi in Libia". Si legge in una dichiarazione allegata alla decisione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS